Magazine Serie TV

Kevin Williamson difende CBS “Stalker”: ‘mi piace spaventare la gente’

Creato il 01 ottobre 2014 da Linda93

Kevin Williamson non è estraneo a difendere il suo lavoro. Giusto questa estate ai TelKevin Williamson difende CBS “Stalker”: ‘mi piace spaventare la gente’evision Critics Association, il creatore del nuovo thriller CBS ha incoraggiato un critico a “cambiare canale” se non gli piaceva quello che stava guardando sullo schermo. (“Alcune persone sono ancora un po’ scettiche su The Following” ha ammesso Williamson dopo il panel del tour. “Sono domande giuste”).

Molti spettatori hanno rinunciato per così dire a seguire le vicende di Ryan Hardy dopo le critiche per il contenuto giudicato da alcuni troppo violento e raccapricciante per le scene di omicidio e di tortura e ciò si è visto nel calo di ascolti. “Sono così orgoglioso di The Following… Io non lo cambierei per niente al mondo. Mi piace il genere, io lo rispetto e apprezzo… mi piace spaventare la gente”.

E “Stalker” non sembra proprio per tutti. Accuse di eccessiva violenza e misoginia sono tra gli aspetti criticati a Williamson poiché visti nel pilot della serie che debutterò staserà oltreoceano. “Questo è uno spettacolo molto violento. E psicologico… Tratta di ciò che si nasconde nel buoi, chi sta sbirciando dalla finestra, cosa c’è nell’armadio oppure sotto il letto. Qui si parla di paura e un sacco di persone sono più terrorizzate da ciò rispetto a vedere correre armati di coltelli e vedere gente che viene pugnalata. Quindi, in questo modo, si potrebbe affrontare una maggiore paura, ma non sarà così violenta. Sarà inquietante e misteriosa, una sorta di ossessione credo, più del tono viscerale e violento di The Following, ma sono ambedue spaventosi a modo loro”.

L’idea di base del nuovo show secondo Williamson è “un unico spin su uno spettacolo poliziesco. […] Ogni crimine nel mondo ha un elemento di stalking. Sembra che ogni omicidio, ogni attacco, ogni assalto o qualsiasi tipo di paura nella vera storia del crimine contiene un elemento di stalking… Con l’evoluzione i internet e i social media, lo stalking è aumentato di quattro volte dal 1998”, anno in cui il creatore ammette di aver scoperto la TMU della polizia di Los Angeles.

Anche se lo spettacolo sarà caratterizzato da casi settimanali, la storia più grande seguirà la Tenente Beth Davis (Maggie Q), capo della Threat Assessment Unit ed il suo subordinato, il Det. Jack Larsen (Dylan McDermott) recentemente traferitosi nel rapporto dalla divisione omicidi di New York. “Sono tipo della stessa stoffa, entrambi hanno dei segreti” dice Williamson. “Si rispettano a vicenda perché sono entrambi molto bravi in quello che fanno e sembrano davvero funzionare bene insieme… Vedremo se riuscirà ad abbassare la guardia e vedere se può realmente aprirsi con lui”.

Questo ovviamente potrebbe richiedere un po’ di tempo. Sia Beth che Jack hanno le proprie esperienze personali con lo stalking (da entrambi i lati della medaglia) ed al primo incontro condivideranno una reciproca diffidenza – per usare un eufemismo. “È genuina antipatia” dice Q. “C’è come un disprezzo su tutta la linea ed è vero… Il loro percorso fondamentale è utile per spettacolo circa come effettivamente si comportano sul posto di lavoro. È grande ed ha affetto su di loro. Beth si concentra, poiché lei ha già avuto a che fare con questo. C’è qualcosa di veramente molto, molto oscuro nel suo passato che si presenta di fronte lei al lavoro”. Dermott aggiunge: “è uno spettacolo oscuro, ma c’è anche del divertimento e dell’umorismo in esso”.   [TV Guide]

Informazioni su questi ad

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog