Magazine Musica

L'Espresso - Fate Voi la Perizia Fonica [Repost]

Creato il 08 maggio 2013 da Desbela @venuspluson

L'Espresso -  Fate Voi la Perizia Fonica [Repost]

L'Espresso: Fate Voi la Perizia Fonica



[...]
Intanto si continua a parlare delle perizie foniche. Non perché i risultati siano giunti (o meglio i risultati delle perizie sono già arrivati a dicembre ma dalla Procura questa volta non viene fatto trapelare proprio nulla), ma perché l’Espresso ha lanciato una singolare iniziativa: allegato al settimanale il lettore trova in edicola un disco che contiene le registrazioni delle voci di Negri e Nicotri (che tra l’altro è libero già da sei mesi) e quelle delle telefonate a Moro. Lo slogan che accompagna il “gadget” è: “Fate da voi la perizia fonica”. Tutti i giornali commentano negativamente la stravagante uscita. Visto che ci sono ne approfittano per dare, in fondo all’articolo, anche qualche notizia sulle perizie vere e proprie. Come il Corriere della Sera del 19 gennaio ’80 che in fondo al pezzo “Per il disco con le «voci» incriminato «L’espresso»” informa il lettore che la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso di Negri e Nicotri contro le perizie foniche affidate a Oscar Tosi. Il Corriere, da buon giornale, approfondisce la questione pochi giorni dopo sul “Corriere Medico”, un supplemento del quotidiano, intervistando direttamente Oscar Tosi. Il titolo (“Come ho scoperto che Toni Negri telefonò a casa Moro”) e il testo dell’articolo non lasciano spazio a dubbi riguardo l’indubitabile colpevolezza del professore padovano mentre sembrano scagionare Nicotri. «Le perizie da lei effettuate hanno confermato o smentito i sospetti» chiede l’intervistatore Lando Landi. «Sì e no. Nel senso che mentre ho potuto confermare che Toni Negri ha fatto una telefonata sono anche giunto alla conclusione che il giornalista non è riconoscibile in alcuna delle intercettazioni sottoposte a perizia». Il professor Tosi poi, sollecitato dal supplemento scientifico, descrive minuziosamente il suo software. Ma il giornalista giustamente incalza sul riconoscimento delle voci. «Lei dice parere, ossia opinione o giudizio strettamente personale. Pensavamo che si trattasse di una certezza assoluta e inconfutabile..», continua Landi. «La parola assoluto non esiste nel campo delle scienze. Tutto è relativo», è la curiosa risposta di Tosi. Il professore poi rivela che la conclusione relativa al confronto tra la voce di Negri e quella del telefonista di casa Moro è definita dall’espressione «alto livello di fiducia che le voci ascoltate ed esaminate provengano dalla stessa persona». Il servizio è corredato da una bella illustrazione: il professor Negri, in ombra, con la cornetta del telefono in mano.
[...]
Da: Carmilla online



Flexi dell' Espresso: "Fate Voi la Perizia Fonica".



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine