Magazine Cucina

La Panèda

Da Chiarapapotti1988
La Panèda

La gastronomia povera, che ha caratterizzato il nostro territorio fino alla fine del secondo dopoguerra - volta soprattutto a riempire la pancia e a garantire la sopravvivenza quotidiana- ha lasciato tracce importanti nei manuali di cucina di storia locale. Fino alla metà dell' 800 il pane della maggioranza era di colore scuro perchè preparato con una miscela di cereali inferiori (segale, granturco, orzo). Una duplice inversione di tendenza, qualitativa e quantitativa, prese avvio attorno agli inizi del Novecento. Sul piano qualitativo, il pane bianco conquistò fasce più larghe di consumatori per l'utilizzo di nuovi mulini con cilindri di ferro che consentivano di ottenere una farina più bianca ed asciutta che in passato. A dire il vero, essa era anche più povera dal punto di vista nutrizionale, ma tali erano il prestigio e l'attrattiva del colore bianco- identificato da secoli come prerogativa dei consumi di lusso- da far passare in secondo piano considerazioni come questa. Per ragioni di fame e perchè il pane bianco era considerato alimento nobile, nessuna razdora poteva permettersi di sprecarlo e si ingegnava nel trovare modi per recuperarlo. Il pane raffermo veniva così consumato nello "zuppone" della prima colazione o grattugiato per impanare le carni, i pesci o le verdure per friggere. Ma fra i piatti più diffusi nel nostro territorio c'era sicuramente la "panèeda" (panata), una minestra molto povera che veniva cucinata con il pane avanzato. Un tempo, la ricetta non prevedeva l'impiego del brodo, ma soltanto dell'acqua, che veniva condita con appena un po' di burro e formaggio. Se la panèeda, per motivi dietetici o per ragioni economiche, era preparata senza aggiunta di olio o burro veniva chiamata "vedova".

Ricetta per la zuppa di pane ("panèda")

La Panèda

Da La Scienza in Cucina e l'Arte di Mangiar bene di Pellegrino Artusi

Ingredienti: Pane del giorno avanti, grattato, non pestato, gr. 130; Uova, n. 4; Cacio Parmigiano, grammi 50; Odore di noce moscata. Sale, un pizzico.

Preparazione. Prendete una cazzaruola larga e formate in essa un composto non tanto sodo con gl'ingredienti suddetti, aggiungendo del pangrattato se occorre. Stemperatelo con brodo caldo, ma non bollente, e lasciatene addietro alquanto per aggiungerlo dopo. Cuocetelo con brace all'ingiro, poco o punto fuoco sotto e con un mestolo, mentre entra in bollore, cercate di radunarlo nel mezzo scostandolo dalle pareti del vaso senza scomporlo. Quando lo vedrete assodato, versatelo nella zuppiera e servitelo. Questa dose può bastare per sei persone. Se la panata è venuta bene la vedrete tutta in grappoli col suo brodo chiaro all'intorno. Piacendovi mista con erbe o con piselli cuocerete queste cose a parte, e le mescolerete nel composto prima di scioglierlo col brodo.

Biografia

- "La fame e l'abbondanza, storia dell'alimentazione in Europa" di Massimo Montanari


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La-Vis, la Vallagarina non paga!

    La-Vis, Vallagarina paga!

    comunicato stampa ——————————————————————– APPROVATO ORDINE DEL GIORNO: CANTINA DI LAVIS Durante la seduta pomeridiana del Consiglio Provinciale di oggi,... Leggere il seguito

    Da  Trentinowine
    CUCINA, VINO
  • LA Crepes !

    Crepes

    Cercando di recuperare gli anni perduti vi posto uno street food in tema con il mio ultimo viaggio a Paris! Francia..terra di burrose golosità e crepes..... Leggere il seguito

    Da  Melissa
    CONSIGLI UTILI, CUCINA, LIFESTYLE
  • Combattere la dermatite con la Haloterapia

    Combattere dermatite Haloterapia

    Curare la dermatite con la Haloterapia, questo è il consiglio dei dermatologi. La Haloterapia è un trattamento naturale usato per curare diversi disturbi, tra... Leggere il seguito

    Da  Dietainforma
    CONSIGLI UTILI, RIMEDI NATURALI, SALUTE E BENESSERE
  • La scienza smentisce la correlazione HIV-AIDS

    scienza smentisce correlazione HIV-AIDS

    I test per l'AIDS sono validi? Fare click sull'immagine per vederla ingranditaIn un articolo pubblicato su Lancet nel 1992 (http://www.sciencedirect. Leggere il seguito

    Da  Corradopenna
    OPINIONI, DA CLASSIFICARE
  • La volpe e la bambina - Recensione - PC

    volpe bambina Recensione

    L'interessante platform cooperativo di Upper One Games ci racconta una favola fra le nevi dell'Alaska Nuna è una ragazzina che ama andare in giro da sola, fra l... Leggere il seguito

    Da  Intrattenimento
    TECNOLOGIA, VIDEOGIOCHI