Magazine Bambini

La storia di Mariavittoria

Da Nina_segretario
Mi chiamo Mariavittoria Benedetta, sono nata ad Udine il 10 gennaio 2008 alla 26A settimana. Alla nascita  pesavo appena 502 gr. La mia mamma stava male da tempo, ma il suo ginecologo non si era accorto che avevo dei gravi problemi di accrescimento, in seguito diagnosticati in ospedale come grave caso  IURG.
Il 1° gennaio 2008 la mia mamma si trovava in Slovenia, in una delle  tante stazioni di benessere, per cercare di  porre rimedio a  disturbi dovuti a gravi problemi di circolazione sanguigna e di funzionamento dei reni di cui i medici erano all’oscuro. La sera di quello stesso giorno ebbe un distacco di placenta e,  dopo aver lottato una notte in un piccolo ospedale di montagna, siamo state  trasferite in elicottero all’ospedale di Udine,il posto più vicino alla frontiera italiana; lì sono rimasta ugualmente nella sua pancia per  altri 9 giorni, cercando di potenziare i miei polmoncini, che, data la mia prematurità non erano ancora pronti. I medici erano perplessi date le mie condizioni di forte sofferenza cardiaca quando ero ancora in pancia. Ogni tre ore un’infermiera veniva a controllare se c’ero ancora, poi una notte mia mamma è stata malissimo. Al mattino i medici hanno deciso che  non potevano più aspettare, dovevano farmi nascere  perché altrimenti io e la mia mamma non saremmo sopravvissute… 
Al momento della nascita ho stupito tutti con la mia vitalità ed i miei sforzi per respirare, purtroppo però i mieimvittoria a 5 settimane polmoni non funzionavano ancora.. così sono stata intubata per oltre 3 mesi, durante i quali  ho dovuto affrontare numerose infezioni  che si accanivano sui miei polmoncini malati, ma io e la mia mamma non abbiamo mai mollato, anche nei momenti in cui sembrava che non ci fossero più speranze.. 
Lentamente mi sono ristabilita e arrivata al peso di 2,2 kg sono tornata a casa il 24 maggio 2008. Ai primi di luglio ho tolto definitivamente l’assistenza respiratoria dell’ossigeno.
La mia condizione di estrema prematurità comportava che fossi gravemente ipotonica e che portassi un ritardo di svariati mesi nello sviluppo cerebrale. Andavo quindi stimolata sia dal punto di vista fisiatrico che dal punto di vista psico-motorio per permettere ai muscoli ed al cervello di finire di completare il loro sviluppo.
Ad un anno stavo seduta grazie all’ausilio di un cuscino, ero poco reattiva agli stimoli esterni, e avevo poca forza nei muscoli per potermi muovere da sola. Dopo un momento d’incertezza, la mia mamma ha avuto la fortuna di essere indirizzata al centro fisioterapico dell’ospedale di Montichiari, dove grazie  a frequenti sedute settimanali ho potuto rinforzare i miei muscoli ed ho imparato le reazioni di caduta e di equilibrio necessarie al camminamento, nonchè a gestire lo spazio.
MV agosto 2009 Oggi,all’età di 2 anni finalmente cammino. Non finirò mai di ringraziare chi ha saputo stimolare le mie potenzialità,   dandomi una mano nel cercare di affrontare quel ritardo psico-motorio che mi porto dietro fin dalla mia nascita, visto che i miei organi ed il cervello non avevano ancora finito il loro processo di formazione. Adesso sono alle prese con la psico-motricità, per prevenire problemi cognitivi di apprendimento che potrebbero manifestarsi con l’età scolastica. Credo che per i gravi  prematuri come me la prevenzione e la MV da Elena 1stimolazione siano fondamentali, visto che siamo ancora “casi da manuale” e che prima del 2000 bambini come me non sarebbero sopravvissi alla nascita. Fungiamo da sorta di “avanguardia”, da “cavie” e finiamo sui manuali di medicina internazionale.. la mia mamma  ed io non smetteremo mai di credere nella medicina, nelle terapie e nella prevenzione di eventuali danni che potrebbero insorgere.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • la clinica

    Abbiamo scelto il Fabia Mater a Roma, sulla Prenestina, vicino Villa Gordiani (trovate qui delle informazioni:... Leggere il seguito

    Da  Scalposcarno
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • la quiete dopo la tempesta!

    quiete dopo tempesta!

    dopo una mattinata a boccheggiare ansiosamente perchè la mia piccola è andata in gita scolastica con i compagni di scuola materna...dopo scarpinate... Leggere il seguito

    Da  Ilcerchiomagico
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La Riunione

    Riunione

    Sono iscritto a diverse liste e gruppi di discussione di giornalai ed attraverso di loro ricevo molti spunti sul “sentiment” dei miei colleghi e informazioni,... Leggere il seguito

    Da  Pedroelrey
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • La bocca

    bocca

    Mi affascina il tuo viso mi piace il modo in cui mi guardi so quello che vuoi da me sono pronto a dartelo il tuo sguardo mi strega i tuoi occhi mi penetrano... Leggere il seguito

    Da  Allcatsaregrey1
    POESIE, TALENTI
  • La Bolla

    Bolla

    On the top of Lingotto: La Bolla an enormous crystal ball (conference room) balanced with heliport with a 360 degree panoramic view all over. Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, TALENTI
  • La scimmia

    scimmia

    Nel 1991 c’erano due categorie di persone che andavano a ballare: chi dopo la discoteca tornava a casa, e chi invece tornava a ballare. Noi facevamo parte del... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La zitella

    zitella

    Oggi ho ricevuto un commento molto interessante da Silvia, ve lo posto per maggiore chiarezza: Silvia: Domanda un pochino ostica! XD Le zitelle partecipavano... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, PER LEI, STORIA E FILOSOFIA