Magazine Cultura

"LOVER AVENGED - UN AMORE INFUOCATO" di J. R. Ward

Creato il 04 ottobre 2011 da Junerossblog
Ciao my darling,
ebbene si, sono tornata! Scusate l'assenza, ma sono diventata mamma di un bimbo bellissimo e bravissimo che adesso ha tre mesi e quindi il mio tempo è sempre molto ( meravigliosamente ) limitato, ma vi leggo appena posso e sempre con immenso piacere. Ok finita la sviolinata, attacco col mio post. Ma potevo mai rientrare con una "bocca di rosa"? Giammai! Come dice la mia grande amica Letizia ( letylety - anch'ella diventata mamma per la seconda volta un mese dopo di me ), la gravidanza ha solo sopito la vipera ( che cara ) che c'è in me.
Ordunque, aspettavo con tantissima ansia questo libro, principalmente per un motivo fondamentale, ovvero il suo protagonista, Rehvenge.
Dovete sapere, che i protagonisti maschili NON mi piacciano, nè belli, nè dannati, nè eleganti, nè eroi, nè libertini... ok faccio prima a dirvi cosa mi piace. Il mio protagonista maschile ideale deve essere sociopatico e mentalmente un pò disturbato o deviato che dir si voglia. Non mi importa che sia bello, ricco, gentile o altro, deve avere quel che di "nonmisalvanemmenolapsicanalisi" ed io lo amo.
Immaginatevi quindi l'aspettativa che avevo su Rehvenge. Un divoratore di peccati altrui, uno che si strafà di dopamina per tenere a bada certi istinti dovuti alla sua natura. Natura che però è bivalente, in quanto è anche vampiro... oltre che pappone, spacciatore, patricidia e se aggiungete che se la fa con la sorellastra ed è vestito come De Niro negli "Intoccabili" ( tanto che mi sembrava che da un momento all'altro se ne uscisse con la frase "sei tutto chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo" ), capirete la mia ansia di lettura.
Le prime pagine mi hanno avvinto e poi... il vuoto, il baratro, il nulla cosmico, e me che pensavo "Ma che palleeeeeee!"
Il motivo è semplice, la Ward ha strafatto. Non sò negli ultimi tempi le è presa sta mania della coralità, che sinceramente detesto, anche se sembra essere alquanto di moda. E i lesser, e Warth, e l'Omega, e Lash e per non parlare di Cucciolo dopo il Viagra ( John Mattiew ) e la sua amata Skin degli Skun Anansie versione bianca ( Xhex ), e poi ancora Thor, Lassiter, Quinn, Blay... Uff, ci mancava solo che la Vergine Scriba in intimo putibondo ammiccasse sensuale all'Omega in boxer di Emporio Armani.... Insomma: TROPPA TROPPA TROPPA ROBA.
Che può anche starmi bene, se l'autrice non affretta, ROVINANDO, una storia come quella di Rehvenge ed Helena che aveva tutte le premesse per essere una delle migliori!
E' sempre la stessa storia si vuole mungere la vacca grassa e il risultato è sinceramente penoso. Ma la Ward ha così paura che la gente non si compra più i suoi libri che deve friggerci il cervello con duemila personaggi e i loro probabili ( discutibili ) incorci? Sono sinceramente dispiaciuta, ha ROVINATO ( ridaglie ) una storia che poteva avere il potenziale di quella di Z!
Magari molte di voi non saranno d'accordo, non sono una che in genere mette d'accordo ( a parte quando mi devono dare della "st...." ok Ross non lo dico ), però scherzi a parte ragazze mie a volte penso che se una non ha più cartuccie da sparare meglio che rinunci, almeno non rovina il ricordo di libri splendidi quali sono stati i primi.
Insomma e per concludere, il troppo storpia sempre, tranne che per le coccole al mio bambino e per il plafond della carta di credito.
Un abbraccio
Lilli
 border=

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines