Magazine Cultura

Piccole memorie di una sciacquetta - Capitolo II

Creato il 19 giugno 2011 da Marcopertutti

La Madre Superiora Maria Vagina Addolorata ci diceva sempre che il suo scopo era fare di ognuna di noi una piccola geisha. In molti pensano ad una geisha come ad una prostituta, quando in realtà i due kanji che formano la parola vogliono dire "persona" ed "arte". Il fine ultimo di DoppiaM, quindi, è creare una persona a regola d'arte. Le lezioni erano veramente difficili: ad esempio, a storia dell'arte guardavamo senza sosta dei video vintage di Non è la Rai e di Veline per cercare di trarre ispirazione dalle più grandi pioniere del mondo dello show business. Anche tutte le altre materie di una scuola comune, in realtà, venivano impartite, però cercando di dare loro un'impostazione pratica. La matematica veniva affrontata soprattutto nel suo aspetto contabile: calcolare velocemente la quantità di soldi da incassare grazie ad un bonifico era una caratteristica fondamentale per sopravvivere nel lusso più sfrenato. L'italiano, così come le altre lingue straniere, non racchiudeva nessun aspetto letterario degno di essere studiato, visto che per noi era sufficiente studiare il Vocabolario di Maria Maddalena. Il nostro testo sacro era un frasario, che conteneva circa 400 parole, utili in varie circostanze: regalo (o regalino), gìrati, ok, aiutino, duro erano le più importanti, visto che con le stesse si poteva costruire una conversazione di base come «Gìrati» a cui bisognava rispondere «Ok, ci vuole un aiutino per fartelo venire duro, però dopo mi fai il regalo». Ovviamente la storia d'Italia veniva insegnata dal 1994 in poi. C'era, però, una materia che veniva insegnata in modo durissimo: il diritto, considerato un'arma di autodifesa. Il Codice Penale e quello di Procedura Penale erano due cose importanti da sapere, visto che in qualsiasi momento e senza aver fatto assolutamente niente di male si poteva essere coinvolte in torbide vicende giudiziarie.D'altronde, una facile Laurea in Giurisprudenza era diventata storicamente un lasciapassare per ambire ad alte cariche istituzionali e trasformarsi così in ministra. Non tutte saremmo diventate ministri della Repubblica, ma bisognava comunque essere pronte all'occorrenza
COMUNICAZIONE DI SERVIZIO
Questo è un racconto in cinque puntate, scritto nella notte del 17 giugno 2011.Un avviso è d'obbligo: ogni riferimento a fatti o persone realmente esistenti o esistiti è puramente casuale.Sarà facile trovare le varie puntate, semplicemente cercando e cliccando sulla tag piccole memorie sciacquetta.Non sarà possibile commentare, visto che durante questi giorni sarò assente (l'ultima puntata, quella del 22 giugno, si potrà commentare).Se ti piace quello che leggi, ti suggerisco di copiare ed incollare il link di questo pezzo (o di uno che ti è piaciuto) in un'email da mandare a persone con una sensibilità affine alla tua (alla nostra, diciamo) o semplicemente farlo girare sulle reti sociali. Ovviamente, se avvisate qualche editore, ancora meglio.In poche parole, vorrei essere presentato a persone che forse potrebbero apprezzare le cose che scrivo.Faccio affidamento, in particolare, sulle persone (followers e non) che mi seguono tutti i giorni in questa ennesima avventura pseudo-letteraria (chi vuole può leggere il precedente racconto in sette puntate "La solitudine dei responsabili primi", facilmente rintracciabile all'interno del blog con la tag solitudine responsabili primi).Grazie,L'intruso

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Piccole chicChe...

    Piccole chicChe...

    di Anna Baiguini dal Club "Sofà and Carpet" di Jane Austen Nell'epoca di Jane Austen il ricevente doveva pagare la lettera ricevuta: a seconda del suo peso, il... Leggere il seguito

    Da  Estel
    CULTURA
  • Negli Anni - Capitolo II - Elementari

    Negli Anni Capitolo Elementari

    Il primo giorno di scuola ero piuttosto spaesato. Non essendo abituato a stare in aula per via del fatto che avevo saltato l'asilo a piè pari, mi sembrava... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Piccole segnalazioni ambientali

    Piccole segnalazioni ambientali

    Oggi ho fatto due passi lungo viale Cavallotti e ho dovuto fare il tratto davanti alle scuole rosse con la testa china perché i tigli sono talmente bassi che... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    SOCIETÀ
  • Ultimamente Leggiamo...Piccole Donne

    Ultimamente Leggiamo...Piccole Donne

    Ciao a tutti, dopo una settimana di completa inattività causa malattie e impegni vari, cerchiamo di porre rimedio e di dare il via alla nuova lettura di questo... Leggere il seguito

    Da  Mrsfrancis
    CULTURA
  • Piccole cose...

    In questo week ho avuto più di un regalo e li ho avuti dalle persone più importanti per me. Oggi mi capita di sentirmi fortunata. Regalo di Stellina: 9 ore di... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Piccole cattiverie senza importanza

    Piccole cattiverie senza importanza

    Alberto Martini, Ritratto di Wally Toscanini Ma ha poi senso porsi il problema dei buoni e dei cattivi, in questo mondo?Esiste un livello di "bontà" o non è... Leggere il seguito

    Da  Odio_via_col_vento
    ARTE, CULTURA
  • cose piccole e pratiche

    Mentre la nostra classe dirigente politica e imprenditoriale continua a proporci-imporci progetti faraonici devastanti e osteggiati dalle popolazioni (pensiamo... Leggere il seguito

    Da  Gaia
    SOCIETÀ

Magazines