Magazine Società

Più Europa

Creato il 12 aprile 2011 da Ilpescatorediperle
Riguardo alla drammatica situazione dei migranti sulle coste italiane e al conflitto tra nazioni che si sta consumando in seno all'Unione Europea, non si può che essere d'accordo con Emma Bonino. Il Governo Italiano, a modo suo, sembra aver compreso che vi sono delle incomprimibili esigenze umanitarie che vanno salvaguardate. Lo stesso non sembra fare la Francia (che pure ha delle responsabilità in questo esodo, a causa dell'à la guerre di Sarkozy), né la Germania, contraria all'emissione di permessi di soggiorno temporanei, che evidentemente, bypassando Schengen, permetterebbero ai migranti accolti in Italia  quello che direttamente Parigi e Berlino non sono disposti ad accordare loro, ovvero di recarsi in altri paesi Ue da Ventimiglia e dal Brennero. In ogni caso, l'Italia si dimostra ancora una volta contraddittoria: chiede più Europa quando ha bisogno che questa le tolga le castagne dal fuoco, ma poi, vedi ad esempio il "mandato  di cattura europeo", prevale la libera autodeterminazione nazionale. Bisogna decidersi - e questo vale anche per gli altri 26, a cominciare da Francia e Germania: o si vuole più Europa, e questo richiederà senz'altro una perdita di sovranità nazionale e un conferimento di più poteri ad organi comuni, europei, veramente efficienti, oppure si ammetta il fallimento.La domanda provocatoria del ministro Maroni ("Perché restare nella Ue?") è appunto tale, ma può anche essere presa sul serio.
In effetti, dopo il percorso di Maastricht che ha portato all'Euro (deciso da un'altra generazione di politici, che avevano vissuto la seconda guerra mondiale, e poi la CECA, la CEE e così via), e l'allargamento fortemente voluto dalla Presidenza Prodi, si è assistito ad un'evidente frenata del percorso comunitario. La lunga e incresciosa storia del trattato prima di Roma poi di Lisbona, frutto più di compromessi al ribasso e temporeggiamenti, un passo avanti e due indietro, che di un autentico slancio costituente, dimostra che i nuovi leader europei, e forse gli stessi cittadini del continente, provano nostalgia per i poteri degli stati nazionali. A dominare è senza dubbio la paura. Che si tratti dell'idraulico polacco o del clandestino libico, della badante rumena o dell'imam turco, si reagisce puntando i piedi, come se si potesse, davvero, tornare indietro. Si scopre che non siamo soli, che ci sono le migrazioni, la globalizzazione, che la Ue ormai è uno spazio enorme, che raggiunge l'Est europeo (si spera, presto, i Balcani), e lambisce il Medio Oriente, che si affaccia su un Mediterraneo in cui i dispotismi, almeno in alcuni casi, sono rovesciati a favore della democrazia da un movimento di giovani che hanno studiato e usano internet, senza trasformarsi in fondamentalismo. Che per molti il sogno europeo, come culla della libertà di tutti e di ciascuni, è un ideale, un modello. Per molti, ma, pare, non più per noi.E' una vecchia storia, forse. Nel suo saggio sulla storia dell'idea di Europa, Federico Chabod mostrava come già l'Illuminismo avesse ravvisato la discrepanza tra i nobili principi europei e il fatto che "il modo con cui i governanti europei cercano di applicare, soprattutto nelle relazioni internazionali, le massime della esecrabile "ragion di Stato", è causa di gravi mali all'Europa: difetto, insomma, di applicazione dovuto alla corruttela degli uomini."
L'Unione Europea si trova ad un bivio. Può continuare così, non credendo in se stessa, nominando presidenti di organismi pletorici figure di secondo piano, perché tanto poi "decidono i Grandi"; può seguitare a destinare la maggior parte del proprio bilancio alla difesa protezionistica dell'agricoltura europea, che ha il suo peso nella situazione economica di tanti paesi in via di sviluppo che genera quella stessa emigrazione che si vuole respingere; può ancora essere il teatro di grandeur assortite, di primedonne à la Sarkozy, à la Merkel, ovviamente à la Berlusconi, che rivendicano primazie del buon tempo andato ma destinate ad esaurirsi; può far leva sulle paure di un elettorato che si butta tra le braccia di movimenti xenofobi, antineuropei, razzisti; può, insomma, morire di inedia, lentamente.
Oppure può, da questa crisi, trovare nuove energie, scoperchiando finalmente il certo complesso, arduo, ma irrinunciabile percorso che porta ad una vera unione: una difesa comune (come già pensava De Gasperi: altro che eserciti regionali italiani!) ma soprattutto una politica comune, interna ed estera, nella sua globalità. Via le inutili sovrapposizioni tra Commissione, Consiglio, Presidenza dell'Unione, un governo europeo più snello, un parlamento più forte. Il che significa, ovviamente, una devoluzione di poteri dagli stati nazionali. L'Europa c'è già, nei fatti. A più di vent'anni dalla nascita del Programma Erasmus e di molte altre iniziative, i giovani europei sono mille miglia lontani dalle divisioni nazionali che consumarono le generazioni dei nostri nonni e bisnonni. Occorre riscoprire, dunque, il sogno originario di Spinelli e Rossi, quegli Stati Uniti d'Europa che così immaginavano:
[...Gli] Stati Uniti d'Europa [...] non possono poggiare che sulla costituzione repubblicana di tutti i paesi federali. E quando, superando l'orizzonte del Vecchio Continente, si abbraccino in una visione di insieme tutti i popoli che costituiscono l'umanità, bisogna pur riconoscere che la Federazioen Europea è l'unica concepibile garanzia che i rapporti con i paesi asiatici e americani si possano svolgere su una base di pacifica cooperazione, in attesa di un più lontano avvenire, in cui diventi possibile l'unità politica dell'intero globo.

Più Europa

Ernesto Rossi e Altiero Spinelli con Luigi Einaudi


da TEMPI FRU FRU http://www.tempifrufru.blogspot.com

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L’Italia è “Europa”?

    ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”, CLICCANDO IN FONDO A QUESTA PAGINA! “Un’economia sclerotica, una società civile rovinata dalla corruzione e dal crimine... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • La Lega Calcio spernacchia Europa 7

    Lega Calcio spernacchia Europa

    Non c’è pace per la Tv più sfigata del mondo. Dopo aver vinto una serie innumerevoli di ricorsi contro Rete4 che occupava abusivamente le sue frequenze, ora pur... Leggere il seguito

    Da  Oblioilblog
    SOCIETÀ
  • Italien ist nicht Europa

    Italien nicht Europa

    Mi pare che la notizia di oggi sia stata questa. Soltanto leggermente offuscata dall’ennesima barzelletta di Berlusconi, il quale ha arringato la piccola folla... Leggere il seguito

    Da  Gadilu
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • L’unica Europa è quella di Giulio Cesare

    Maroni non si è arreso alle decisioni della Francia, nè tantomeno a quelle di Sarkòleone e continua imperterrito nella polemica sugli immigranti. Maroni fa... Leggere il seguito

    Da  Lebarricate
    SOCIETÀ
  • Annozero - perfida Europa

    Non poteva che iniziare con le immagini delle contestazioni fuori dalla Camera, contro l'ennesima legge ad personam pro cavaliere, da parte dei parenti delle... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • L'energia nucleare prodotta in Europa

    L'energia nucleare prodotta Europa

    Qual è la quota di energia nucleare prodotta attualmente nei Paesi dell'Europa? Ecco i dati forniti dalla Rappresentanza a Milano della Commissione europea:... Leggere il seguito

    Da  Daven
    SOCIETÀ
  • Borghezio, resta in Europa!!

    Borghezio, resta Europa!!

    Ad animare la giornata in vista delle amministrative partenopee ci ha pensato l’europarlamentare della Lega Mario Borghezio. “Buttiamo Napoli: dobbiamo stare... Leggere il seguito

    Da  Mdeconca
    SOCIETÀ