Magazine Cinema

The Host ( 2013 )

Creato il 28 aprile 2013 da Bradipo
The Host ( 2013 )In un futuro prossimo ma imprecisato gli alieni , più o meno dei colonizzatori intergalattici, si sostituiscono agli umani prendendone il corpo e annullandone la personalità. Il loro segno di riconoscimento è la pupilla lucente.Dei veri e propri ultracorpi il cui unico scopo e cercare altri umani a cui prendere "in prestito " il corpo.
Melanie ha sperimentato questo "sfratto" ma la sua personalità rimane nel suo corpo assieme al neoinquilino alieno che viene chiamato Wanda ( abbreviazione di wanderer, vagabondo, dai suoi colleghi extraterrestri). Vuole ritrovare il fidanzato e il fratellino e per questo scappa nel deserto per fuggire agli altri alieni che la stanno già cercando per completare il trattamento.Viene trovata da un gruppo di sopravvissuti umani che si sono organizzati per essere autosufficienti , una piccola comunità nascosta in anfratti reconditi a ogni sguardo indiscreto. La sua posizione è difficile , meticcia in mezzo a umani, ma si sa l'amore vince tutto e una futura integrazione è possibile. Bisogna però spiegarlo ai cacciatori di corpi spietati che le stanno dando la caccia...
Ho visto questo film i preda a umori nettamente contrastanti.
Punto a favore: Andrew Niccol. Beh io a quest'uomo sarò sempre grato per aver regalato al globo terracqueo quel gioiello di fantascienza distopica che risponde al nome di Gattaca  e per aver sceneggiato quell'altro film epocale di The Truman Show. Poi la sua carriera , tra alti e bassi, forse non si è confermata a quegli altissimi livelli ma un suo nuovo film di science fiction è sempre da vedere, caso mai ritorni la magia di quei film irripetibili.
Punto a sfavore: Stephanie Meyer. Ora da una che è responsabile di quello scempio che è la saga di Twilight ti aspetti il peggio. E se nella saga del vampiro da asporto c'era una triangolazioone sentimentale tra umani, licantropi e vampiri, qui la triangolazione sentimentale è tra due umani e una mezza aliena.
Quindi sempre amore come il manuale Cencelli del cinema hollywoodiano prescrive, sempre sentimenti usati come corpi contundenti per fracassare le aspettative di avere un buon film e accontentare le platee adolescenziali con la solita storia da romanzetto d'appendice.
In The Host purtroppo la Meyer prevale nettamente su Niccol: trattasi di fantascienza distopica for dummies con generose spruzzate new age che intriga all'inizio ( in fondo molti cinefili appassionati di sci fi sono cresciuti a pane e ultracorpi) ma che poi fa decisamente imbestialire per come getta alle ortiche uno spunto potenzialmente idoneo a ricavarne una grande storia.
The Host ( 2013 )E invece no, l'ammmmmore( quello con tante m )  vince su tutto anche quando si sfiora il ridicolo con i due galletti maschi con una cresta alta così che si contendono le grazie dell'aliena meticcia baciandola  in rapida successione per scoprire se è umana o aliena. Oppure solo per vedere l'effetto che fa.
Anche l'impalcatura visiva non è delle migliori: a parte gli imponenti scenari naturali dei canyons e del deserto ( che però hanno una "faccia" ampiamente conosciuti in millemila altre produzioni soprattutto western), il film più che avere un aspetto minimalista , ce l'ha proprio povero con scenografie ridotte all'osso rese asettiche da una fotografia dai toni gelidi. Mentre quando la cinepresa è nella "tana" degli umani il film cromaticamente si accende e non solo per il bel colore biondo del grano che loro coltivano.
Parlando del cast diciamo che è una bella idea usare la bellezza un po' ruspante di Saoirse Ronan contrappuntandola a  quella algida di Diane Kruger perfetta per la parte dell'aliena ultracorpizzata senza troppe espressioni facciali, mentre il resto del cast naviga un po' a vista con un William Hurt filosfeggiante che evacua perle di saggezza a cadenza regolare manco fosse sotto cura con la dolce Euchessina e i due maschietti che si contendono l'aliena Wanda / Melanie che sono i classici manzetti a stelle e strisce che hanno i pettorali più espressivi dell'intero pacchetto di muscoli del volto.
Tirando le somme The Host parte discretamente ma poi si perde per strada banalizzando malamente uno spunto potenzialmente interessante e talvolta oltrepassando la soglia del ridicolo involontario ( vedi la scena del doppio bacio ma anche le parti in cui le voci di Melanie e Wanda si rincorrono non sono il massimo...).
Purtroppo stavolta  la Meyer ha sconfitto Niccol su tutta la linea.
( VOTO : 4,5 / 10 )  The Host (2013) on IMDb

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • The Host – L’Amordiscienza

    Host L’Amordiscienza

    USCITA CINEMA: 28/03/2013GENERE: Fantascienza, Thriller,Kids,SentimentaleREGIA: Andrew NiccolSCENEGGIATURA: Andrew NiccolATTORI: Saoirse Ronan, Diane Kruger, Ma... Leggere il seguito

    Da  Poison78
    CINEMA, CULTURA
  • The host

    host

    di Andrew Niccol con Saoirse Ronan, Diane Kruger, Max Irons Usa 2013 fantascienza, thriller durata, 125 Un costruttore di realtà alternartive. Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • The host

    host

    (id.)di Andrew Niccol (USA, 2013)con Saoirse Ronan, Diane Kruger, Max Irons, Jake Abel, William HurtVOTO: ***/5In molti l'hanno definito 'la versione... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA, CULTURA
  • The Host

    Host

    USA 2013 Titolo Originale: The Host Regia: Andrew Niccol Cast: Saoirse Ronan, Emily Browning, Jake Abel, Max Irons, Diane Kruger, Chandler Canterbury, Boyd... Leggere il seguito

    Da  Shaqino
    CINEMA, CULTURA
  • The host

    host

    Gli alieni hanno invaso gli esseri umani, anziché il pianeta Terra. Invece di combattere una guerra che avrebbe portato alla distruzione del pianeta, alla... Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • "The host" / "Gwoemul"

    "The host" "Gwoemul"

    di: Bong Joon-ho con: Byeon Hie-bong, Song Kang-ho, Park Hae-il, Bae Doona. - S. Kor/Jap 2006 - 120' Corea. Oggi. Cosa c'è di più rilassante che spendere qualch... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA

Magazines