Magazine Cultura

Coletti Conti. Eccellenza del vino.

Creato il 06 dicembre 2013 da Ilbicchierediverso

Coletti Conti. Eccellenza del vino.

Per trovare eccellenti vini si deve saper cercare, provare, curiosare.
Noi lo facciamo appena ne abbiamo l’occasione e stavolta siamo incappati, in territorio ciociaro, in una di quelle realtà non da tenere d’occhio ma da non lasciarsi proprio sfuggire: Coletti Conti.

Famiglia di nobilissime origini legate alla Chiesa, un podere che da tempo immemore appartiene al casato, una passione straordinaria di Anton Maria Coletti Conti sono il sunto di questa azienda. Il sunto che deve invogliarvi.
A far quadrare il cerchio, la nostra degustazione del COSMATO (2005).
Realizzato mediante sei diversi vini (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Syrah, Petit Verdot e Cesanese d’Affile) che formano, grazie alla vinificazione in purezza, un blending eccezionale. Praticamente un vino francese, potremmo azzardare senza troppe smentite. “I vini vengono elevati separatamente in piccoli carati di rovere, per essere assemblati trascorsi sei mesi dalla vendemmia; sostano, poi, per altri mesi (da sei a dodici) in barriques per essere, infine, chiarificati e imbottigliati”

Dopo aver fatto “respirare” la bottiglia (che è caratterizzata, come tutte le altre, da un’etichetta molto raffinata)  ci siamo lasciati andare al naso per apprezzarne da subito un bouquet rotondo e deciso, che aveva note di sottobosco e legni, ma con una morbidezza di fondo che eravamo certi avremmo riscoperto in bocca.
Al palato un tannino importante ci ha subito regalato un vigore che apprezziamo particolarmente; lentamente ma scanditi da un’orchestra degustativa attenta e preziosa, si sono svelati i frutti rossi, la vaniglia, il cuoio, i legni aromatici, una leggera speziatura e a tratti un sentore di resina balsamica, davvero molto leggero, quasi inconsistente. Il tutto in una sequenza davvero intrigante per la vellutata morbidezza che ha caratterizzato il nostro assaggio.

Inutile dire che la bottiglia è stata motivo di confronto e discussione tra i commensali, che si sono unanimamente espressi per un voto di superba prova enologica.
Vi consigliamo caldamente di approfondire la Coletti Conti.
Siamo certi che avrete soltanto sorprese inaspettate.

Buona scelta
IBD
[email protected]


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine