Magazine Consigli Utili

Come leggere un racconto – Lezione Otto

Da Marcofre

C’è un dettaglio che non è affatto tale in questo racconto di Carver:

Da quella notte che Wes era ubriaco e aveva gettato la sua nel pescheto.

Not since the night Wes was drunk and threw his ring into a peach orchard.

Si riferisce alla fede. Ritroviamo l’espediente del ricordo ma senza scendere nel particolare; eppure basta rileggerlo per riconoscergli un’efficacia. Un dolore reale. La situazione della coppia era ormai arrivata al capolinea, e questa azione (chissà se quella decisiva, o solo quella più dolorosa per Edna), rende perfettamente l’atmosfera che si era instaurata tra loro due.

Dopo questo episodio, Edna parla della loro vita nella casa di Chef. Si tratta di scampoli, forse quelli più rappresentativi. Di certo hanno la patina del reale proprio grazie alla loro formidabile semplicità. Carver ci insegna a prendere il reale, e a lavorarlo.

Pagavamo le bollette della luce e del gas e facevamo la spesa al supermercato Safeway, approfittando delle offerte speciali.

We paid the gas and light and shopped for specials at the Safeway.

Forse non si vede bene, ma c’è la trappola. È lì, si vede e non si vede. È quella cosa che fa dire: “Beh, ci riuscirei pure io. Mica è Napoleone alla conquista della Russia”.
Scrivere non vuol dire scrivere, o almeno non è solo quello.

È qualcosa di più complesso, difficile. Le parole devono essere capaci di creare un’atmosfera. Si prendono perciò dei semplici comportamenti quotidiani (pagare le bollette), e li si inserisce nel mondo della narrazione. Tutto diventa efficace non perché è roba che succede o si fa. Ma perché sensi e sensibilità hanno lavorato su quella comune materia siano a renderla formidabile.

Pagavamo le bollette della luce e del gas e facevamo la spesa al supermercato Safeway, approfittando delle offerte speciali.

Non c’è nulla di straordinario. Giorno dopo giorno (ma Carver evita di farne la cronaca fedele), entrambi tentano di ricominciare a vivere in maniera civile. Senza ubriacature. Wes e Chef vanno agli incontri degli Alcolisti Anonimi. Edna e Wes pescano le trote e le friggono per cena. Wes compra un cappello per la moglie, e un mazzo di margherite.

C’è una tenace determinazione a ritrovarsi. Questo è forse l’aspetto che in questo paragrafo balza agli occhi. Si prova compassione per queste due figure. Non bisogna credere che questo termine sia dispregiativo, anzi. È sempre stato l’obiettivo di Carver. Niente giudizi.

Diceva Gardner (l’insegnante di scrittura creativa proprio di Carver) che la suspense non è: “Cielo, cosa accadrà? Esploderà la bomba, oppure verrà disinnescata a tre secondi dall’esplosione?”.

Bensì: che ne sarà dei personaggi. Cosa capiterà loro. È questa la vera suspense, che spinge a leggere, a rileggere e ad andare avanti.

Questa parte del racconto ha una sua funzione. Quello di alzare la temperatura. Ne parla anche Carver. In pratica, si mette in mostra come i personaggi stiano lavorando duro per riuscire a ottenere quello che desiderano. Un po’ di felicità.

La sera Wes mi prendeva tra le braccia e mi chiedeva se ero ancora la sua ragazza.

At night, Wes would take me in his arms and ask me if I was still his girl.

Tutto sembra filare alla perfezione vero? Si sentono questi momenti, si percepiscono come stoffa sotto i polpastrelli delle dita. Sappiamo che Wes e Edna tempo addietro hanno iniziato a precipitare, si sono separati per sopravvivere. Adesso in questo paragrafo osserviamo che tutto va per il verso giusto; o quasi tutto.

La sera Wes mi prendeva tra le braccia e mi chiedeva se ero ancora la sua ragazza.

Non c’è dubbio alcuno che hanno la determinazione per farcela. Hanno una casa offerta loro da un amico. Ricostruiscono la loro relazione.

Presto arriverà la frattura, ma prima di allora, sarà necessario stabilizzare la temperatura, parlando per esempio dei loro figli. Di questo parlerò nel prossimo post.

Come leggere un racconto – Lezione Uno

Come leggere un racconto – Lezione Due

Come leggere un racconto – Lezione Tre

Come leggere un racconto – Lezione Quattro

Come leggere un racconto – Lezione Cinque

Come leggere un racconto – Lezione Sei

Come leggere un racconto – Lezione Sette


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La lezione di Mitterand

    lezione Mitterand

    I socialisti francesi celebrano in questi giorni il trentesimo anniversario della vittoria di Francois Mitterand. C'ero anch'io, quel giorno, in cui questa... Leggere il seguito

    Da  Barbini
    CULTURA, VIAGGI
  • Terribile lezione

    Terribile lezione

    Chissà se ci sono, in URSS, avversari del nucleare. Di certo il professor Ivan Jakovleviv Emelianov non fa parte di questa schiera. E’ un nuclearista... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Dieci alle otto

    Dieci alle otto

    Sopra una foto di ieri, durante la presentazione al Fantasy Horror Award, una tavola rotonda incentrata sulla nuova rivista Weird Tales Italia (rivista alla... Leggere il seguito

    Da  Francescofalconi
    CULTURA
  • Una lezione insolita

    Il professore d'arte guardò i suoi allievi maschi e commentando la Primavera di Botticelli rimase armoniosamente incantato da Flora, dal viso di... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Scompare oggi Otto d'Asburgo-Lorena

    Scompare oggi Otto d'Asburgo-Lorena

    Apprendo ora della morte di Sua Maestà Otto d'Asburgo-Lorena, ultimo erede al trono d'Austria-Ungheria. È deceduto oggi all'età di 99 anni, dopo essere stato... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • L'ultima lezione..

    Siamo giunti all'epilogo di questa emozionante esperienza narrativa. Era la fine di maggio del 2007 quando, timidamente, iniziai questa rubrica. Da allora si... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • Come leggere un racconto – Lezione Uno

    Titolo strampalato a prima vista, per una serie di post che saranno il tentativo di mettere nero su bianco la lezione dei Maestri. In questo caso Raymond... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI

Dossier Paperblog