Magazine Attualità

La lotta alla #mafia è una cosa seria

Creato il 07 febbraio 2013 da Intervistato @intervistato
Contraffazione, narcotraffico, tratta di essere umani, reati ambientali, appalti e, crimine che sta emergendo negli ultimi anni, anche traffico di opere d'arte.
La lotta alla #mafia è una cosa seria Il quadro tracciato dalla Direzione nazionale antimafia nella relazione relativa al 2012 è una fotografia cruda, e preoccupante, del panorama della criminalità organizzata in Italia. Più di 800 pagine che raccontano di un'Italia capovolta, con le mafie che, non accontentandosi del profondo radicamento nel Sud, hanno cercato negli ultimi anni di spostarsi, segretamente e senza farsi notare, nelle regioni del Nord Italia investendo capitali sporchi in attività lecite grazie, soprattutto, alla complicità della zona grigia. Cioè tutti quei personaggi, imprenditori, politici, professionisti che hanno aiutato la criminalità organizzata a piantare le sue radici nei fertili terreni del Nord e a crescere indisturbata.
Infiltrazioni, insediamenti e radicamento, sono le tre fasi della presenza delle mafie in regioni e territori diversi da quelli dove hanno avuto origine. Secondo la relazione della Dna la mafia,
soprattutto la 'ndrangheta calabrese, è radicata al Nord in Lombardia, Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna mentre a forte rischio è il Lazio e sono pericolosi gli insediamenti nelle regioni del Nord Est e del Centro, come l'Abruzzo del post terremoto. Un capitolo della relazione, infatti, è dedicato alle infiltrazioni della criminalità organizzata proprio negli appalti della ricostruzione.
E neanche l'arresto del boss Michele Zagaria, cassiere del clan dei casalesi, ha sconfitto definitivamente la camorra, si legge nelle 840 pagine della Dna. “La fine della latitanza di Michele Zagaria – si legge - assume un significato di straordinario rilievo e costituisce un evento importantissimo anche per ciò che concerne la definizione attuale e futura dei complessivi assetti criminali, non sembra però che ad essa debba ascriversi addirittura la fine del clan dei Casalesi per come lo abbiamo conosciuto almeno negli ultimi venti anni”. La camorra è ancora forte, anche dopo l'arresto negli ultimi giorni di Carmine Schiavone, attuale reggente del clan e figlio di Francesco Schiavone, detto Sandokan.
Diverso il discorso, invece, per Cosa Nostra che, secondo i magistrati della Direzione nazionale antimafia, è in una fase di transizione. La mafia siciliana è ancora fortemente radicata nel territorio ma è in cerca di nuovi capi. Un'ampia parte della relazione è infine riservata alla 'ndrangheta, considerata la più pericolosa criminalità organizzata, capace di essere autonoma, unita, e di infiltrarsi nelle amministrazioni del Sud e del Nord Italia.
A firmare la relazione della Dna è stato il procuratore capo Pietro Grasso, per l'ultima volta. Grasso, infatti, nelle prossime elezioni sarà candidato come capolista nel Lazio al Senato per il Pd. Ma al di là dei risultati delle elezioni a tutti quelli che siederanno sui seggi di Camera e Senato l'appello è di lavorare, insieme, per non disperdere il lavoro delle procure e delle antimafia di tutta Italia e portare avanti, concretamente e senza false illusioni, delle leggi che
mirano a combattere la criminalità organizzata e la corruzione.
La lotta alla mafia è una cosa seria, non sia solo propaganda elettorale.
Gerardo Adinolfi | @gerryadi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nasce la Lista Monti.

    Nasce Lista Monti.

    Montezemolo, Casini, Cesa, Riccardi, sono stati ricevuti di buon mattino nella sede del governo, a Palazzo Chigi, dal presidente dimissionario Monti, con... Leggere il seguito

    Da  Vittorionigrelli
    ATTUALITÀ, CURIOSITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La valigia si indossa!

    valigia indossa!

    Se siete anche voi stufi di dover fare mille calcoli, sotterfugi, pesature di valige, zaini, borse e bagagli a mano vari, è arrivata la soluzione alla portata d... Leggere il seguito

    Da  Vittorionigrelli
    ATTUALITÀ, CURIOSITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La terra non vota

    terra vota

    "In queste condizioni, i funesti eventi che a intervalli regolari devastano l’Italia, seminando morti e rovine non appena piove tre giorni di fila smentiscono... Leggere il seguito

    Da  Intervistato
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La scadenza delle Patenti di guida e la cruna dell’ago

    scadenza delle Patenti guida cruna dell’ago

    E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che la semplificazione burocratica sia davvero semplice. Quando scade la patente di guida? Il giorno... Leggere il seguito

    Da  Pinobruno
    ATTUALITÀ, INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La narrazione liquida

    narrazione liquida

    Chissà se Baumann si rendeva conto di come e quanto la sua definizione di liquidità avrebbe descritto e influenzato le nostre abitudini e i nostri consumi. Leggere il seguito

    Da  Intervistato
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • #PapaFrancesco, la politica e la laicità, questa sconosciuta...

    #PapaFrancesco, politica laicità, questa sconosciuta...

    La settimana è stata segnata da infiniti colloqui istituzionali, dalle continue gaffes grilline e...dalle azioni sempre più sorprendenti del nuovo Pontefice.... Leggere il seguito

    Da  Intervistato
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • La strategia dell'astensione: #elesicilia

    strategia dell'astensione: #elesicilia

    Il dato lo conosciamo tutti: 53%. Come ogni amico di amici che si rispetti poi qualcuno se lo ricorda più alto qualcuno se lo ricorda più basso, ma resta il... Leggere il seguito

    Da  Intervistato
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ

COMMENTI (1)

Da OK MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando
Inviato il 09 marzo a 11:57
Segnala un abuso

NON sono pochi anni che il NORD ITALIA di LIGURIA,PIEMONTE e Lombardia è impregnata di massoneria mafie illuminati da luci oscure.. e ciò che si trova al mare..è viceversa impregnato sulle colline, monti circostanti confinanti della stessa Liguria e Piemonte..La Riviera Ligure non è solo famosa per fiori.. le spiagge e porti sono stati fatti con "appaltati " pertanto "prima" di fare e dare.. si doveva ispezionare per bene..per poi non piangere dopo..le infiltrazioni di massomafia sono volute con complicità più che altro per i soliti extra guadagni. Non si può pensare che sono entrate in tutto così abilmente senza che nessuno mai se ne accorgesse in tempo..la disonestà ha complici in certi onesti che onesti NON sono ! Sta di fatto che al Nord Italia la massomafia è una realtà! Morando Morando