Magazine Cinema

Last Vegas: quattro leggende di Hollywood per ridere della terza età

Creato il 25 gennaio 2014 da Oggialcinemanet @oggialcinema

Last Vegas: quattro leggende di Hollywood per ridere della terza età

25 gennaio 2014 • Recensioni Film, Vetrina Cinema •

Il giudizio di Rosa Maiuccaro

Summary:

E’ stato il film di apertura dell’ultima edizione del Torino Film Festival e non c’è da stupirsi, considerata la presenza di un cast di eccezione composto da ben quattro premi Oscar. Stiamo parlando di Last Vegas di cui sono protagonisti niente meno che Robert De Niro (premio Oscar per Il Padrino – Parte II e Toro Scatenato) , Michael Douglas (premio Oscar per Wall Street), Kevin Kline (premio Oscar per Un pesce di nome Wanda) e Morgan Freeman (premio Oscar per Million Dollar Baby). Dopo i film d’avventura Il mistero delle pagine perdute e L’apprendista stregone, il regista Jon Turteltaub dirige una commedia che racconta l’addio al celibato di quattro amici attempati che strizzano l’occhio ad Una Notte da Leoni, Le amiche della sposa e Non è mai troppo tardi. Si tratta di una commedia improbabile, decisamente convenzionale, il cui motivo di interesse risiede nelle performance degli straordinari attori protagonisti.

Kline, Freeman, De Niro e Douglas sono i protagonisti di Last Vegas

Kline, Freeman, De Niro e Douglas sono i protagonisti di Last Vegas

Quattro amici di infanzia si riuniscono dopo 58 anni a Last Vegas, in occasione del matrimonio dell’allampadato playboy Billy (Michael Douglas), pronto a sposare una ragazza che ha la metà dei suoi anni. Partono così all’avventura lo storico antagonista di Billy, il riluttante Paddy (Robert De Niro), rimasto da poco vedovo della donna di cui erano innamorati entrambi; Archie (Freeman) reduce da un infarto ed in fuga da un figlio troppo protettivo; Sam (Kevin Kline) a cui la moglie prima di partire ha regalato un preservativo con la promessa di divertirsi senza preoccuparsi delle conseguenze.

E’ un lungo weekend che vedrà i quattro amici litigare furiosamente, commuoversi, innamorarsi di una cantante di jazz (interpretata da un’affascinante Mary Steenburgen) e infine, ritrovare se stessi. Imperdibile la scena in cui Sam si intrattiene con una drag queen (Roger Bart), la vittoria di Archie che consentirà ai 4 amici di vivere come dei veri nababbi, al centro delle attenzioni del personale dell’hotel e il cameo di 50 Cent.

Al centro di Last Vegas vi è l’importanta dell’amicizia ma anche il valore della lealtà e un forte senso di solitudine e di impotenza che attanagliano le persone più in là con gli anni. Vi sono inoltre delle trovate molto divertenti, talvolta ciniche e politicamente scorrette, come quella della proposta di matrimonio di Billy durante il funerale di un amico o la sequenza iniziale di una sessione di acquagym per gli over 70, con tanto di strabordante cellulite. Nonostante la sceneggiatura sottotono di Dan Fogelman (Crazy, Stupid, Love) che rende la storia piuttosto prevedibile, la maestria degli attori eleva la pellicola, la cui visione diventa accattivamente e gradevole.

Dopo la straordinaria performance dello scorso anno in Dietro i Candelabri, dove interpreta Liberace, Michael Douglas conferma il suo ottimo stato di forma. Superlative anche le performance di De Niro, già in ripresa con Cose Nostre – Malavita dopo una serie di ruoli in commedie trash che preferiremo lasciar cadere nel dimenticatoio. Ritorno in grande spolvero anche per Freeman (tornato ad interpretare i comuni mortali!) e Kevin Kline, immensi come sempre. Grazie a loro, Last Vegas avrà la capacità di stupirvi, andando al di là delle aspettative base, immergendovi con successo nelle vite e i sentimenti di quattro adorabili protagonisti.

Last Vegas uscira’ nelle sale italiane a partire dal 23 Gennaio 2014.

di Rosa Maiuccaro per Oggialcinema.net

Cose Nostre: MalavitaCrazy stupid loveDan FogelmanDietro i candelabriIl mistero delle pagine perduteIl PadrinoJon TurteltaubKevin KlineL'apprendista stregoneLast VegasLe amiche della sposaMary SteenburgenMichael DouglasMillion Dollar BabyMorgan FreemanNon è mai troppo tardiPremi OscarRobert De NiroRoger BartTorino Film FestivalToro ScatenatoUna Notte da LeoniWall Street


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog