Magazine Cinema

Le vite degli altri 2

Creato il 30 gennaio 2011 da Dallenebbiemantovane

Grazie a questa coraggiosa, drammatica pellicola di Florian Henckel von Donnersmarck, finalmente la Germania fa i conti fino in fondo con il suo passato.

Hilda Buchassinen, perfida giudice comunista al soldo della Stasi, ordisce un complotto per liberarsi del borgomastro di Bonn, Silvius Berlin Von Konitz, coraggioso e intrepido imprenditore prestato alla politica.
Dell'anziana magistrata, nel corso del film, scopriamo vari scheletri nell'armadio: nel 1982 ha pomiciato con un giornalista sovietico nella Trabant rosa di sua zia; nel 1987 ha cominciato a tingersi di rosso i capelli ingrigiti, odia gli uomini, tiene un ritratto di Stalin sopra il letto ed è probabilmente di origini ebree, infatti non dà mai la mancia al ristorante.

Per distruggere l'avversario politico, la donna non si farà scrupolo ad assoldare giornalisti comunisti come lei e ad usare come pretesti le vicende della sua vita privata, utilizzando microspie, intercettazioni ambientali e tutto quanto le corrotte leggi della D.D.R. permettono (lo spettatore italiano faticherà ad immedesimarsi, da noi essendo state, per fortuna, queste leggi inumane e violatrici della privacy abolite da una ventina d'anni).

Vediamo quindi la reputazione di Silvius, uomo onesto, integro, fedele alla moglie, progressivamente intaccata sui mass-media che inventano agghiaccianti dossier ove lo si dipinge come corruttore di minorenni, frequentatore di prostitute, palazzinaro tangentista, circondato di loschi avvocati che a detta dei suoi nemici egli avrebbe messo nei posti chiave del parlamento e del governo.
Laddove, e lo si vede bene nelle scene di ambientazione familiare (forse le più commoventi della pellicola), gli unici passatempi dell'anziano leader sono le passeggiate lungo i fossi di campagna con il suo pechinese Bondy e le riparazioni di vecchi orologi nel suo laboratorio in cantina.

Molte signore, ne siamo certi, piangeranno nella scena madre in cui l'innamoratissima moglie di Silvius, Naomi, di trent'anni più giovane, tenta di consegnare la sua pelliccia, i suoi gioielli e le sue otto carte di credito alla Buchassinen in tribunale gridando "Prendete me al suo posto!", suscitando le risate della sadica giudice dai capelli rossi.

Un grande film, un grande contributo della Germania al cinema mondiale, meritatamente candidato all'Oscar come miglior pellicola straniera per il 2025.
Nicole Kidman, truccata al punto da essere irriconoscibile nel perverso personaggio di Hilda, è candidata anche come miglior attrice protagonista, mentre Robert De Niro, che concorre come miglior attore protagonista, per affrontare il difficile ruolo di Konitz ha affrontato 6 ore di trucco al giorno e una plastica del cranio con cui gli sono stati trapiantati finti capelli di plastica.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le mani sulla città

    mani sulla città

    Vedere "Le mani sulla città" di Francesco Rosi nel 2011 a poche settimane dalle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Napoli...è un atto di coraggio. Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Le vergini suicide

    vergini suicide

    Titolo: Le vergini suicide Titolo originale: The Virgin SuicidesAutore: Jeffrey EugenidesAnno: 1993  Jeffrey Eugenides Il libro… Le cinque giovanissime ... Leggere il seguito

    Da  Charliecitrine
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • 5. Le avanguardie francesi

    avanguardie francesi

    Il cinema francese del primo dopoguerra è fortemente influenzato dalle avanguardie pittoriche: cubismo, dadaismo surrealismo. Come il cinema russo, anche le... Leggere il seguito

    Da  Alejo90
    CINEMA, CULTURA
  • Le interpretazioni cult del 2010

    interpretazioni cult 2010

    Le migliori interpretazioni dell’anno? No, solo quelle che personalmente ho trovato più cult (qualunque cosa questa parola possa significare) 10. Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CINEMA, CULTURA
  • Vogliamo anche le rose

    Vogliamo anche rose

    2007, Alina Marazzi."Ho voluto ripercorrere la storia delle donne tra la metà degli anni Sessanta e la fine degli anni Settanta per metterla in relazione, a... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Black Horror - Le Messe Nere

    Black Horror Messe Nere

    Anno 1969 Titolo Originale Curse of the Crimson Altar Altri titoli Spirit of the Dead The Crimson Altar The Crimson Cult Witch House Curse of the Crimson Cult... Leggere il seguito

    Da  Dyladan
    CINEMA, CULTURA
  • Le 127 ore di Boyle

    Boyle

    Aron Ralston, interpretato da James Franco, è un mountain climber, solito partire in solitudine. Durante una delle sue escursioni in solitario, cade e rimane co... Leggere il seguito

    Da  Presidenziali
    CINEMA, CULTURA

Magazines