Magazine Moda e Trend

Punk: chaos to couture

Creato il 27 marzo 2013 da Vestitidarte @VestitidArte
Punk: chaos to couture - Chanel

Punk: chaos to couture – Chanel

Le collezioni Autunno-Inverno 2013 e 2014 hanno portato sulle passerelle di Milano uno stile più aggressivo e anticonformista, fortemente influenzato dall’estetica punk. Borchie, pelle e altri elementi caratteristici della cultura punk si sono visti in quasi tutte le sfilate da Versace a Fendi e per questo, dal 9 maggio al 14 agosto, il Metropolitan Museum of Art di New York ospiterà la mostra “Punk: chaos to couture” che si concentrerà sull’impatto che il punk ha avuto sulla moda e sulla cultura dagli anni Settanta ad oggi.

L’esposizione, curata da Andrew Bolton del Costume Institute, raccoglierà un centinaio di disegni, abiti punk originali e outfit più recenti a ricostruzione della storia del costume contaminata dal punk, dal Do It Yourself e dal “fatto su misura”.
Presentata come un percorso multimediale, la mostra animerà i vestiti in esposizione e sarà accompagnata dai più famosi videoclip delle hit punk passate.
Tra le firme in esposizione: Miguel Adrover, Thom Browne, Burberry, Hussein Chalayan, Christophe Decarnin, Ann Demeulemeester, Dior, Domenico Dolce e Stefano Gabbana, John Galliano, Nicolas Ghesquière, Katherine Hamnett, Viktor Horsting e Rolf Snoeren, Christopher Kane, Rei Kawakubo, Karl Lagerfeld, Helmut Lang, Martin Margiela, Malcolm McLaren, Alexander McQueen, Moschino, Kate e Laura Mulleavy, Miuccia Prada, Gareth Pugh, Zandra Rhodes, Hedi Slimane, Stephen Sprouse, Jun Takahashi, Riccardo Tisci, Gianni Versace, Junya Watanabe, Yohji Yamamoto e Vivienne Westwood.

Punk: chaos to couture

Punk: chaos to couture



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog